X-FACTOR la finale: vince MATTEO!

Finisce così la seconda edizione di X FACTOR con l’incoronazione inaspettata di Matteo Becucci, livornese dalla voce raffinata, che fino all’ultimo ci ha emozionati – tanto per usare the last time il verbo più abusato della storia televisiva- con le sue suggestioni canore intense ed eleganti. Forse vista la storia e l’età questo premio serve più a matteo che ai bastards…

Per soli 16 voti arrivano infatti in seconda posizione i Bastard sons of Dionisos, gruppo genuino e rock di tre amici della val sugana saliti alla ribalta per le loro doti musicali e la loro simpatia tutt’altro che costruita! Perdono contro ogni pronostico ma sono talmente forti che faranno strada comunque.

Noemi, la mia prediletta, è uscita un paio di puntate fa ma sta già cominciando la sua carriera da solista con il singolo “briciole” very blues e già trasmesso dalle più importanti radio italiane.

Yuri invece riconferma la sua essenza musicale e la sua modernità, forse non egregiamente valorizzata dai pezzi italiani che gli sono stati assegnati, ma stasera è stato convincente più che mai e anche Simona se ne è accorta.

Momento amarcord-tristezza: la canzone degli aram quartet, ma cantavano dal vivo? spero di sì…

Vedremo cosa ci riserverà la vita musicale di questi giovanastri, di sicuro le scaramucce e le loro prove per un po’ ci mancheranno! Non possiamo dire la stessa cosa per le schede interminabili di facchinetti e i suoi: STOP al televoto!

Buona notte e w l’amor carnale

matteo_becucci.jpg

X-FACTOR la finale: vince MATTEO!ultima modifica: 2009-04-20T01:02:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “X-FACTOR la finale: vince MATTEO!

  1. Ma si dai è un povero impiegato condannato a lavorare fino alla morte alla sua scrivania (come tanti)…..adesso potrà vivere il “sogno” (fatto chissà quante volte nel suo squallido ufficio assieme ai tristi pinguini che condividono il misero arrivismo, malattia dei nostri anni che afflige i poveri topi da scrivania).

    Lui ha smesso di sognare !

Lascia un commento